SPETTACOLO
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1
Il sindaco di Acireale consegna a Re Burlone le chiavi della città


Il-sindaco-di-acireale-Barbagallo-consegna-le-chiavi-della-citta-630

ACIREALE - Carnevale Acireale 2018, debutto dei carri «più belli di Sicilia». Ampia partecipazione di pubblico per il primo e atteso weekend. Annunciato dalla Regione Siciliana un grosso sostegno alla manifestazione. Quando i carri allegorici escono per la prima volta dai cantieri della Cittadella del Carnevale per sfilare tra le vie del centro di Acireale, l’immenso stupore che sorprende gli sguardi del pubblico ripaga la lunga fatica dei maestri artigiani, protagonisti insieme alle loro opere di cartapesta, della storica tradizione.

È proprio questo stupore a rendere quello di Acireale «il Più Bel Carnevale di Sicilia». L’edizione 2018 è ufficialmente iniziata: ieri pomeriggio (3 febbraio 2018) il sindaco Roberto Barbagallo ha consegnato a Re Burlone le chiavi della città, e così il corteo della Regina del Carnevale ha popolato festosamente Piazza Duomo e il centro storico, sulle note di “The Big Friends Guggen Band” e di altre bande folcloristiche.

Su le maschere, il morale e l’energia: coriandoli e stelle filanti hanno decorato le strade trasformandosi in un tappeto pronto ad accogliere la parata d’apertura dei sei giganti di cartapesta.

Tre i carri di prima categoria, e altrettanti quella della seconda: «Una distinzione data dalle dimensioni dell’opera e dall’esperienza delle maestranze – ha spiegato il presidente della Fondazione del Carnevale Antonio Belcuore – Nel momento della sua massima apertura, l’intera struttura meccanica di un carro può raggiungere fino a 20 metri d’altezza e 12 metri di larghezza. Il mix di luci e suoni completa lo spettacolo, che lentamente si fa spazio tra la gente».

L’associazione culturale Messina ha presentato il carro “Dillo in Italy”, mentre il cantiere Principato-Cavallaro è sceso in pista con “Essere o non Essere”. “Giustizia all’italiana” è invece il nome dell’opera realizzata dall’associazione culturale Ardizzone, mentre il cantiere Mario Scan fa un omaggio al mondo degli animali circensi con “Loro non si divertono”.

Il carro dell’associazione Leotta-Raciti punta i riflettori sul tema “Ma... La voglia d’Europa?”, invece il cantiere Alberto Amico esprime la propria creatività con l’opera “Noi Bimbi”.

«Quest’edizione del nostro Carnevale – ha affermato il sindaco di Acireale Barbagallo – debutta con un grosso sostegno della Regione Siciliana, e per questo ringrazio il governatore Nello Musumeci e l’assessore Sandro Pappalardo.

Fin da questo primo giorno sono numerosissime le persone che stanno partecipando, soprattutto i bambini, nonostante le condizioni meteorologiche non siano delle migliori. Ottima partenza anche dal punto di vista della sicurezza pubblica, grazie alla collaborazione di tutta la cittadinanza».

«È un Carnevale all’altezza della sua storia – ha aggiunto l’assessore comunale al Turismo Antonio Coniglio – il bilancio del primo weekend è già positivo le opere sono straordinarie, la partecipazione è sentita, e anche le iniziative collaterali stanno dando il meglio».

Grande esordio anche per le iniziative collaterali: hanno debuttato i “Carri in miniatura”, il cui concorso è un vero e proprio laboratorio in cui si formano i maestri carristi del futuro. Giunta alla XXII edizione, la competizione è organizzata – insieme alla Bottega della Cartapesta – dall’associazione culturale “Gruppo Libero Artisti” e ospitata in Corso Umberto nei locali dell’Ipab Santonoceto.

Al Palazzo di Città, sempre dal 3 al 13 febbraio, è invece possibile la “Mostra Bozzetti, Cartoline, storia del Carnevale”, curata dall’Associazione Filatelica Numismatica Acese e dedicata alla memoria del cav. Rosario Lizio.

La giornata inaugurale ha chiuso con una colonna sonora d’eccezione, quella della Discoteca Nazionale di RTL 102.5. Una lunga serata di divertimento che ha fatto da preludio all’attesa giornata di oggi domenica 4 febbraio

PROGRAMMA 4 FEBBRAIO 2018

ore 9:00 – Lungo il circuito del Carnevale in esposizione i carri allegorico-grotteschi
ore 9:30 – In Piazza Duomo start della corsa su strada “IV Trofeo Carnevale di Acireale” organizzata dalla società A.S.D. Atletica Virtus Acireale
ore 11:30 – Lungo il circuito tradizionale la sfilata di bande musicali con esibizioni coreografiche
ore 15:00 – Via alla sfilata dei carri allegorico-grotteschi, delle maschere singole e dei testoni, accompagnati da bande musicali internazionali
ore 21:00 – Sul palco di Piazza Duomo spettacolo della band “Siciliano Sono”, all’insegna di sonorità dal sapore latino, ska, reggae e pop

Il programma completo, corredato dalle info su logistica e sicurezza pubblica, è disponibile su

www.carnevaleacireale.it

e sui canali social ufficiali.

Il circuito del Carnevale sarà presidiato da 13 varchi di accesso, ciascuno sorvegliato dal personale di vigilanza che garantirà il controllo, il movimento e la sicurezza pubblica. Per consentire a tutti i visitatori una fruizione confortevole degli spazi della manifestazione, è consigliato consultare la mappa sul sito web alla voce “Circuito”.

Allo stesso link sono disponibili le info su parcheggi, punti di assistenza e servizi igienici. È inoltre severamente vietato portare bevande in bottiglie di vetro e lattine che possono costituire un pericolo per la pubblica incolumità.

Grande novità 2018 è la geolocalizzazione dei carri allegorici in tempo reale: cliccando sulla voce “Segui i Carri” all’interno del sito www.carnevaleacireale.it sarà possibile conoscere esattamente i punti d’esibizione delle singole opere o seguire sulla mappa il percorso della parata lungo il circuito tradizionale.
“Il Più Bel Carnevale di Sicilia” è social! Immagini “live”, dirette e info di servizio: tutto a portata di smartphone.

Basta collegarsi alle pagine ufficiali Facebook (@CarnevaleAcireale), Twitter (@Acicarnevale), Instagram (@carnevaleacireale) e You Tube (Carnevale di Acireale). Hashtag #acicarnevale.

Mostre, concorsi ed eventi sportivi: sono numerose le iniziative collaterali – promosse dalle associazioni territoriali – che accompagnano il programma ufficiale del Carnevale di Acireale 2018. Il calendario degli appuntamenti è consultabile sul sito web e sui canali social.

La Fondazione Carnevale Acireale ringrazia gli sponsor: Decò – Gruppo Arena, Credito Siciliano, SAC – Società Aeroporto Catania; i partner tecnici Input – Comunicazione ed Eventi, Mandarin e Vision Sicily; e il media partner I Press.

Fondazione Carnevale Acireale

CARNEVALE DI ACIREALE 2018 - SCHEDE DEI CARRI ALLEGORICI

DILLO IN ITALY (ASSOCIAZIONE CULTURALE MESSINA) – 1a CATEGORIA
«La realizzazione vuole rappresentare l’invasione di parole, soprattutto inglesi, che subisce ogni giorno la nostra lingua. Viene spesso fatto un abuso di parole straniere che per alcuni italiani diventano linguaggio incomprensibile. Smartphone, welfare, Jobs Act, breaking news, new performance, governance, meeting, business, on line, house: oggi conoscere e parlare altre lingue è indispensabile, ormai quasi obbligatorio, ma sicuramente è molto complicato farsi comprendere da tutti. Nell’opera viene rappresentato il famoso vocabolario Treccani, diventato ora metaforicamente “tre-dog”, ormai alienato da questo improprio modo di comunicare e rappresentato visivamente in primo piano da un alieno. Troviamo Dante, il padre e difensore della nostra lingua, a bordo di uno dei simboli più conosciuti dello stile italiano nel mondo, la vecchia Fiat 500. Sul lato opposto, sempre a bordo di un’auto, stavolta inglese (la vecchia Mini), uno dei più famosi scrittori britannici William Shakespeare. Sullo sfondo delle bocche tricolori, circondate da bandiere, soldati inglesi armati di matite vogliono intrufolarsi e prevalere sulla nostra lingua. Non mancano simboli e monumenti inglesi famosi, come il Big-Ben, il volto della regina Elisabetta, la tazza di thè inglese, la cabina telefonica di colore rosso. Personaggio principale dell’opera è uno dei più amati e conosciuti comici inglesi Mr. Bean. Ogni giorno che passa diventiamo un po’ più inglesi senza che ce ne accorgiamo».

ESSERE O NON ESSERE (ASS. PRINCIPATO-CAVALLARO) – 1a CATEGORIA
«Il tema è la bellezza artificiale attraverso la chirurgia estetica. Un’idea che, messa in pratica, spesso non dà i risultati sperati. La strega fattucchiera e il pifferaio magico sono gli incantatori, l’attrazione verso il mutamento del proprio aspetto. I giovani d’oggi, ma anche i meno giovani che vogliono rinnovarsi, ammaliati da grandi promesse e insoddisfatti delle loro caratteristiche, ricorrono al bisturi. Ci sono uomini neri che vorrebbero diventare bianchi e viceversa. Per modellare su misura i pazienti è pronta quindi l’attrezzatissima sala operatoria, con la macchina per cucire modello Singer. L’equipe medica è variegata: un medico luminare della chirurgia estetica, vestito da sarto, taglia e cuce con perfezione, mentre i medici rappresentati come asini sono quelli che si improvvisano, sbagliando labbra con seni, occhi con nasi e così via. Infine, dal suo lugubre castello, appare Frankestein, l’emblema dell’artificiosità o dei terribili risultati. Non ci resta altro da dire: ciò che ha davvero valore è stata e sarà sempre la “bellezza visibile al cuore”. Anche se si ha un piccolo difetto, non ci rende più brutti, ma soltanto con un particolare in più».

GIUSTIZIA ALL’ITALIANA (ASS. CULTURALE ARDIZZONE) – 1a CATEGORIA
«Ciascuno di noi avverte un’esigenza di equità, di eguaglianza, di vedere affermati i propri diritti, eppure questo bisogno di legalità viene frustrato dai cavilli e dai tempi lunghi dei processi di giustizia. È possibile aspettare dieci anni per la conclusione di una causa? Dove è finita la dea della Giustizia? Siamo sicuri che la sua bilancia, il suo senso dell’equilibrio, dell’imparzialità, sopravviva ancora? Vale anche per la Sicilia, la terra del “tutto cambia affinché nulla cambi”. Ma qui non visse solo il “Gattopardo”, pensiamo a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, al loro credo di poter coltivare l’ambizione di vivere secondo giustizia. “L’angelo caduto” in primo piano vuole rappresentare l’Italia delle ingiustizie. Quattro cavalli bianchi portano in trionfo grandi uomini, proprio Falcone e Borsellino, imperatori della giustizia, che hanno pagato con la loro vita la capacità di cambiare anche in soli cento giorni lo stato delle cose. La statua della giustizia “Atena” vorrebbe rassicurarci e lentamente trionfa. La bilancia infatti è piena di macigni (i grandi processi) di cui non possiamo liberarci. Poi c’è un’aquila, simbolo per eccellenza della libertà, quasi strozzata da un cobra, che rappresenta la gravità dell’ingiustizia, delle lungaggini, degli “orrori giudiziari” che troppo spesso si verificano. Non smettiamo di credere nella giustizia e soprattutto in un mondo migliore».

LORO NON SI DIVERTONO (ASS. CANTIERE MARIO SCAN) – 2a CATEGORIA
«Sono ancora tanti i circhi che hanno come principale attrazione il domatore di belve o altre attrazioni che coinvolgono animali. Orsi, tigri, elefanti, sono animali che vale la pena ammirare, ma… quanti si soffermano a pensare che loro non sono altrettanto contenti di dare spettacolo e di passare la vita in gabbie anguste? Lo spettacolo di animali in gabbia, lontani dal proprio ambiente e dai loro comportamenti naturali, difficilmente può essere proposto come “didattico” o “spettacolare”, specialmente per i bambini. Al contrario, fa vedere una realtà falsa, diseducativa, e triste. L’opera tende a enfatizzare in modo grottesco la condizione di questi animali in una scena circense. Il circo è senz’altro uno spettacolo da valorizzare, ma gli animali lasciamoli vivere sereni nei loro habitat».

MA... LA VOGLIA D'EUROPA? (ASS. CULT. LEOTTA-RACITI) – 2a CATEGORIA
«“Lavoreremo un giorno in meno e guadagneremo come se lavorassimo un giorno in più”. Questa celebre frase dell’ex presidente del Consiglio Romano Prodi, esprime bene il clima d’entusiasmo che si respirava quando la nostra Nazione veniva traghettata verso una comunità allargata. A distanza di anni dov’è finita l’Europa delle meraviglie promesse? Che fine ha fatto la “voglia d’Europa” ricca e prosperosa che tutti attendevano? Purtroppo quei sogni lontani si sono dissolti in una realtà diversa e il benessere promesso è naufragato in un mare di recessioni, instabilità, debiti e manovre economiche che hanno impoverito la nostra Nazione oltre ogni misura. “Malavoglia” dunque, richiamando il noto dramma Verghiano, per indicare il sentimento di smarrimento che ha prodotto anche una crisi d’identità sociale. L’opera rappresenta la gloriosa imbarcazione danneggiata (il cui nome “Provvidenza” è un chiaro riferimento letterario) in cui un naufrago (il popolo italiano) si dibatte tra le onde in un precario equilibrio. Alle sue spalle l’Unione Europea in veste di sirena, come nel racconto epico di Omero, che ci ha ammaliato col dolce canto delle promesse ma ci ha portato poi alla deriva del default economico. L’unica via di risalita è costituita dalla nobile storia del nostro popolo, la cui cultura è rappresentata dal famoso “Satiro danzante” di Mazara del Vallo. Attraverso l’arte e la cultura che l’Italia in più di 2000 anni ha profuso nel mondo, possiamo quindi rialzare la testa e riprenderci il ruolo da protagonisti che meriteremmo nel contesto europeo».

NOI BIMBI (ASSOCIAZIONE CULTURALE ALBERTO AMICO) – 2a CATEGORIA
«È un omaggio ai giochi e ai giocattoli di un tempo. Non tutti possedevano i balocchi ma i bambini giocavano lo stesso creando e inventando sistemi con gli oggetti disponibili. Bastava un fazzoletto, una bottiglia, una palla fatta con la carta di giornale. Si giocava per strada, si viveva la natura, si tornava a casa stanchi ma felici. Adesso tutto ciò non si fa più, basta purtroppo un telefonino di ultima generazione e il gioco è fatto! Sono passati di moda i cavalli a dondolo, il nascondino, u tuppettiru, i mattoncini Lego. Esiste però un grande personaggio a cui è stata in parte dedicata quest’opera, si chiama Mario Collino – detto “Prezzemolo” – che riesce a far giocare i bimbi con giochi naturali che egli stesso costruisce nel suo laboratorio, con materiali di fortuna… Lui stesso si diverte e dice di essere il “nonnino bambino”. Sarebbe bello avere un personaggio così in ogni città, per la gioia di tutti i bambini e per stimolare la loro fantasia anche tornando al passato».


Contenuti corrispondenti


Data: 4/2/2018
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata


ULTIME DAI COMUNI
 

 
  Codacons minaccia patrimonio reputazionale di Carige, denuncia dell'Associazione
 
  Adas su furgoni, camion e bus: sgravi fiscali proposti da Aci e Mobileye
 
  Cibo per gatti, attenzione alla presenza anomala di glutammati e di ceneri
 
  Costi sostenuti per i servizi di investimento offerti da banche e intermediari
 
  Gift card, consigli per l'uso da Adiconsum. Poca trasparenza
 
  Fake news sulle competenze di un professionista etichettato erroneamente
 
  Consigli Adiconsum sulla navigazione in Internet e sull'utilizzo di Social
 
  Scooter e moto: a Roma meno incidenti, ma buche e tombini fanno paura
 
  Competenza delle Prefetture - U.T.G. per l'accoglienza e procedure di R.A.V.
 
  Marchio d'impresa e marchio comunitario, consumatori e produttori senza tutela
 
  Carta d'identità elettronica, Uncem: positiva la proroga del bando sull'anagrafe
 
  Fatturazione elettronica nei Comuni montani e in aree dove c'è divario digitale
 
  Teleriscaldamento, Bergamo al top. Ma ancora tanti morti di tumore in Lombardia
 
  Mercato immobiliare, Uncem: domanda in ripresa nelle principali località alpine
 
  Proprietà intellettuale, contraffazione ed educazione alla legalità con Codacons
 
  Saldi: decalogo di Adiconsum. Acquisto del giusto rapporto qualità prezzo
 
  Portale delle offerte valido aiuto per il consumatore nella scelta di luce e gas
 
  Ecotassa, serve un tavolo con stakeholder per modalità attuative
 
  Fatturazione elettronica, percorso di aiuto dalla Camera di commercio di Varese
 
  Agriturismi italiani, Mipaaft e Google insieme per aprire le porte del mondo
 
  Bollini allarmistici per indicare salubrità o meno degli alimenti
 
  Limite di velocità a 30 KM/H in tutti i centri urbani, Codacons in Procura
 
  Sotto l’albero di Natale, con Adiconsum e Centro Europeo Consumatori Italia
 
  Assicurazioni agevolate, entro la fine del 2018 pagamento di 130 milioni di euro
 
  Com’è nato e com’è cambiato il gioco d’azzardo nel tempo
 
  Regala cultura anche a Natale con Lalineascritta di Antonella Cilento
 
  Iss e case farmaceutiche, caos sui vaccini dopo l'inchiesta delle Iene
 
  Bonus sociale luce gas e acqua: per Adiconsum da rendere automatico
 
  Sospensione delle rate dei mutui di Banco BMP nei territori colpiti dal maltempo
 
  Fatturazione elettronica: modalità operative e principali criticità dal 2019





Prima Pagina Gerenza e Cookie Policy Giornale e Contatti Credits © 2009 - CINQUEW.it