FACCIAMO-SCUOLA
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1



Professori e Studenti - Scambi di studenti e docenti tra Italia e Romania



universita-roma-tre

ROMA - Il rettore Mario Panizza: «L’internazionalizzazione di Roma Tre prosegue con il rafforzamento del dialogo e dello scambio culturale con la Romania». L’Università degli Studi Roma Tre ha stretto un accordo con l’Università Babeþ-Bolyai di Cluj, ateneo romeno di grande prestigio, il più antico del Paese, appena individuato come il migliore della Romania nella classifica delle Best Global Universities. L’accordo sancisce la collaborazione tra i due atenei nell’ambito degli scambi di studenti e docenti, dell’e-learning, delle relazioni con il mondo dell’impresa, del ruolo delle Università nelle politiche urbane, ed è finalizzata alla realizzazione di attività di studio e ricerca congiunte in ambito storico, economico e linguistico, recentemente estese anche alla comunicazione.
Per formalizzare l’accordo, si è svolto nei giorni scorsi A Roma Tre un incontro tra il rettore Mario Panizza e il rettore Ioan-Aurel Pop dell'ateneo Babes-Bolyai alla presenza dell'ambasciatrice di Romania, Dana Constantinescu, e del direttore dell'Accademia di Romania a Roma, Mihai Barbulescu.
«Roma Tre ha relazioni molto forti con l'Europa centrale sul fronte multidisciplinare della didattica e della ricerca», ha dichiarato il rettore Mario Panizza durante l’incontro. «La cooperazione con un ateneo rumeno di eccellenza come Babes-Bolyai è importante: con la Romania condividiamo la nostra tradizione, il ceppo linguistico e molti momenti della storia. Il trasferimento tecnologico è una componente della cooperazione, ma per operare adeguatamente nella “società dell'informazione” è necessario avere basi solide, sia umanistiche che scientifiche. In tal senso, la cooperazione nel settore della comunicazione è particolarmente centrale nell'attuale situazione politica. Anche per questo prevediamo di attivare un lettorato di romeno nel nostro ateneo».
Tra le azioni già realizzate in questo quadro di collaborazione nel campo dell’insegnamento e della ricerca, le due università hanno organizzato negli anni scorsi convegni, scambi di visiting professor, dottorandi e studenti, presentazioni di volumi come quella, più recente, del volume “Invito al viaggio in Romania” dei professori Francesco Guida e Silvia Terzi, direttori dei Dipartimenti di Scienze politiche e di Economia di Roma Tre, pubblicato da Roma TrE-press.
Durante l’incontro a Roma Tre, il rettore Ioan-Aurel Pop ha confermato il suo forte interesse per la cooperazione con Roma Tre e ha sottolineato la specificità degli atenei di media grandezza, che consentono una notevole efficienza gestionale, un'alta qualità delle relazioni e quindi un livello eccellente delle iniziative didattiche e di ricerca. Ha inoltre illustrato una ricca documentazione storica sul sentimento di appartenenza del popolo romeno all'universo culturale della romanità, e sottolineato l'impegno del suo ateneo e del governo romeno - che conferisce borse di studio a studiosi rumeni che vengono a studiare in Italia - nell'alimentare tale coscienza.

di Professori e Studenti

Tag: docenti, e-learning, ROMA, Romania, studenti, Università, Università Babeþ-Bolyai di Cluj, Università degli Studi Roma Tre
Data: 5/1/2016
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata

I PIU' LETTI
Cassano colpito da ictus, il fuoriclasse del Milan come Ronaldo
Compleanno del Santo Padre Benedetto XVI, lettera aperta di Maurizio Zini
Apocalisse nucleare, parole che arrivano dal Giappone. Tokyo città fantasma
Nube radioattiva di Fukushima domani sull§Italia, disastrosa se piove
Risks for Public Health & the Environment 16th to 18th of May in Madrid
Milioni di morti in Giappone a causa del plutonio nell§aria, apocalisse?
Terremoto in Emilia-Romagna e Lombardia, scossa a Finale Emilia, Borgofranco
Gianni Riotta si dimette dalla direzione de "Il Sole 24 Ore". Martedì al Cda