PARLIAMONE
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1

Arrestati 22 dipendenti dell'Asl di Brindisi, con imprenditori pilotavano gare

guardia finanza brindisi BRINDISI - Operazione Virus – Operazione Mercadet. Nelle prime ore del mattino il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brindisi ed il N.A.S. dei Carabinieri di Taranto hanno eseguito un’ordinanza con cui il G.I.P, del Tribunale di Brindisi, su richiesta della Procura della Repubblica di Brindisi, ha disposto l’applicazione di nn. 22 misure cautelari personali nei confronti di alcuni pubblici dipendenti della Asl di Brindisi – Area gestione tecnica e di vari imprenditori, a seguito di complesse e penetranti indagini che hanno fatto emergere l’esistenza all’interno dell’Area Gestione tecnica dell’Azienda Sanitaria di Brindisi, di una associazione per delinquere che, con il concorso di numerosi imprenditori, interessati a partecipare a turno alla spartizione, pilotava le gare di appalto con modalità fraudolente in maniera da aggiudicare l’esecuzione di lavori pubblici ad un vincitore predeterminato in anticipo.
LE PERSONE INDAGATE
Sono indagate 133 persone, di cui 17 donne. Undici sono state quelle attinte dalla misura cautelare personale della custodia in carcere ed altrettante undici dalla misura cautelare personale degli arresti domiciliari; analoga misura non è stata eseguita nei confronti di un ulteriore indagato, nel frattempo deceduto.
I FATTI CONTESTATI
Sono stati contestati i reati di associazione per delinquere, turbativa d’asta, falso in atti pubblici, corruzione, frode in pubbliche forniture, violazione del segreto d’ufficio in un periodo di tempo compreso fra gli anni 2006 e 2011.
I Carabinieri del NAS hanno individuato gravi indizi di reità per 17 gare, per un valore complesivo di 11 milioni di euro. La Guardia di Finanza per 19 gare, per un valore complessivo di 23 milioni di euro.
L’attività d’indagine ha fatto emergere un datato ed allarmante “sistema” di malaffare all’interno dell’Area gestione tecnica dell’Azienda Sanitaria di Brindisi, per truccare le gare di appalto con sistemi illeciti, realizzato dai responsabili della predetta Area con la interessata partecipazione di vari imprenditori.
Il modus operandi prevedeva, per le gare di valore superiore ai 50.000 euro, l’apertura segreta (e successivo risugellamento) da parte di un esperto faccendiere dei plichi contenenti le offerte presentate dalle ditte partecipanti alla gara, per prendere visione delle loro offerte, in modo da individuare e suggerire al vincitore predeterminato quale avrebbe dovuto essere la sua offerta per conseguire l’aggiudicazione. Il sistema descritto è stato accertato mediante intercettazioni di conversazioni telefoniche e fra presenti, riprese video, accertamenti tecnici sulle buste contenenti le offerte.
Per le gare di valore inferiore ai 50.000 euro venivano invitate a partecipare 5 ditte “amiche”, 4 delle quali, però, fungevano da mere comparse, in quanto, seguendo le istruzioni ricevute dall’Area gestione tecnica, non presentavano offerte, oppure presentavano offerte superiori a quella del vincitore predeterminato, in attesa che venisse il loro turno per l’aggiudicazione di altri lavori. Per agevolare il buon esito dell’illecito la commissione aggiudicatrice delle gare era composta dagli stessi appartenenti all’Area gestione tecnica, alcuni dei quali avevano anche costituito delle imprese (di cui erano titolari parenti o prestanomi) per poter partecipare alla spartizione con le forme apparenti del sub-appalto.
Varie le utilità conseguite dei pubblici ufficiali indagati: Quote societarie di un albergo, affidamento di lavori in sub – appalto a ditte intestate a familiari e prestanomi, titolarità di un’agenzia immobiliare, mobili, viaggi, preziosi.
E’ emerso anche un episodio di frode in pubbliche forniture per avere l’aggiudicatario fornito a lungo materiale (pannoloni per incontinenti) di qualità inferiore rispetto a quella promessa.
In una poco edificante conversazione telefonica captata nel corso delle indagini uno degli indagati si paragona a Mercadet, personaggio di una commedia ottocentesca di Honorè de Balzac, il quale utilizzava il denaro degli altri per i propri loschi scopi.
LA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEI FATTI
Sono stati contestati i seguenti reati:
associazione per delinquere;
turbata libertà degli incanti e rivelazione di segreti d’ufficio per aver manomesso fraudolentemente le buste contenenti le offerte economiche delle ditte concorrenti, prima della loro apertura ufficiale, al fine di rilevarne il contenuto e comunicarlo poi alle imprese prescelte per l’aggiudicazione;
falso ideologico commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici, per aver falsamente attestato, nei verbali di gara, di aver verificato l’integrità dei plichi risultati, in verità preventivamente aperti;
falso ideologico per induzione commesso da pubblici ufficiali in atti pubblici, per aver redatto false relazioni istruttorie, relative al regolare espletamento delle gare risultate turbate e proponendo l’assunzione dei relativi atti deliberativi, traendo così in inganno il Direttore Generale dell’ASL di Brindisi, che adottava le false ed illecite delibere di aggiudicazione definitive;
corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio commessa al fine di favorire l’aggiudicazione di alcune gare risultate turbate, percependo utilità varie;
LE INDAGINI
Sono state svolte dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Brindisi e dai Carabinieri del NAS di Taranto, con una sinergia che, grazie anche al coordinamento svolto da questa Procura della Repubblica, ha moltiplicato l’efficacia e l’incisività degli accertamenti.
Sono stati utilizzati vari strumenti investigativi:
acquisizione ed esame di una monumentale documentazione relativa alle gare di appalto, che ha evidenziato diversi profili di opacità anche nelle gare per cui non è stata formulata una imputazione;
accertamenti sulle movimentazioni bancarie;
servizi di osservazione, controllo e pedinamento, con rilievi fotografici degli incontri più significativi fra le persone di interesse investigativo;
indagini tecniche, captazione di conversazioni telefoniche e fra presenti, riprese video in interni, di notevole valenza dimostrativa;
accertamenti tecnico scientifici sulla manomissione dei plichi contenenti le offerte delle ditte partecipanti alle varie gare;
esame di persona informate sui fatti (Brindisi 12 novembre 2013 IL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA (dr. Marco Dinapoli))
Data:  12/11/2013   |    © RIPRODUZIONE RISERVATA            STAMPA QUESTO ARTICOLO            INVIA QUESTO ARTICOLO





           
Prima PaginaGerenza e Cookie PolicyGiornale e ContattiCredits© 2009 - CINQUEW.it