ARTE
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1

Alla famosa scultrice Rachele Bianchi una mostra al Palazzo Reale di Napoli

bianchi-rachele 1 NAPOLI - E' dedicata a Rachele Bianchi, una delle più interessanti scultrici del panorama italiano femminile, la personale allestita a Napoli in Palazzo Reale presso la Sala Esposizioni della Biblioteca Nazionale. L’inaugurazione giovedì 12 settembre 2013, ore 16,30, con la collocazione sullo Scalone Monumentale d’ingresso della Nobildonna, l’imponente scultura alta un metro e ottanta, che resterà in esposizione permanente presso la Biblioteca di Napoli. La mostra, "La scultura e il colore nell’opera di RACHELE BIANCHI" raccoglie un'accurata scelta di opere grafiche, carte e tele di recente produzione e resta aperta fino al 9 ottobre 2013, da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 18 il sabato dalle ore 9 alle 13.
Artista poliedrica dal forte impatto comunicativo, Rachele Bianchi, attraverso segni e colori, tracce e scritture esprime senza più impedimenti l'interesse già espresso dal prodotto scolpito per l'interiorità e la condizione umana.: Si tratta di ” lavori mossi da un riflesso interiore - sottolina Luigi Paolo Finizio, curatore della mostra - e da uno stato rivissuto di coscienza sintomatici di traguardi nella vita e nell’arte. L’approdo, maturo e soddisfatto, a un pieno e libero spirito di libertà immaginativa”.
La Nobildonna, fulcro dell’esposizione e della vita appare “inglobata, forse prigioniera, della materia e del dolore - osserva Mauro Giancaspro, direttore della Biblioteca Nazionale - ulteriore indizio della supremazia femminile, che testimonia il soffrire dell'umanità, segnalato dal grido del parto o del primo sonoro segnale di vita.” La scultura, espressione della fierezza femminile e di accogliente vitalità, riannoda la ricerca di Rachele Bianchi, che si rinnova e riaggrega attraverso pastelli, tempere, tecniche miste. La Nobildonna "Algida e austera - evidenzia Anselmo Villata, presidente dell'Istituto Italiano di Arte Contemporanea- viene ripresa dalle tele di recentissima produzione, in mostra, che ne catturano alcuni particolari e da quelli lasciano fluire un’intensa e trascinante melodia del colore."
L’evento è promosso dall’INAC (Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea) in collaborazione con la Biblioteca Nazionale di Napoli “Vittorio Emanuele III” Allestimento: architetto Luigi Lavorato. Catalogo edito da Verso l’Arte Edizioni.
Rachele Bianchi (Milano 1925), già dalla metà del secolo scorso importante presenza sulla scena dell’arte contemporanea, vive e lavora a Milano.

rachele bianchi campania napoli la donna che amo punto di donna
Data:  4/9/2013   |    © RIPRODUZIONE RISERVATA            STAMPA QUESTO ARTICOLO            INVIA QUESTO ARTICOLO




Contenuti Corrispondenti















           
Prima PaginaGerenza e Cookie PolicyGiornale e ContattiCredits© 2009 - CINQUEW.it