ARTE
    
Prima Pagina Spettacolo Cronaca Arte Cultura
Libri Scuola Sport Opinioni Lavorare in Comune
Centro Storico Fiat museo più popolare su Facebook/Centro-Storico-Fiat1

"Sei Cattedrali" nella Rocca di Bazzano. Mostra personale di Roberto Rizzoli

6-cattedrali


BAZZANO (BOLOGNA) - Chi si aspettasse di vederne solo sei, di cattedrali, resterà alquanto deluso e certamente disorientato dinanzi alla copiosità (25 pezzi ca.) di tele e carte del pittore Roberto Rizzoli. Uno smarrimento che diventerà ancor più tangibile dinanzi alle opere fisiche, e non solo per i soggetti non soggetti rappresentati, bensì per l’assenza di nomenclatura.
Sono parte di un ciclo – motiva Rizzoli – impossibile imbrigliare il concetto in un titolo.

L'arte del pittore bolognese Rizzoli è nella Rocca di Bazzano fino al 28 luglio 2013. Un ciclo, quello delle ‘Sei cattedrali’ che racchiude le fatiche dell’artista, bolognese doc, di un quinquennio, dall’88 al ’93. Fatiche nel senso più vero e tangibile del termine perché l’arte, per Roberto Rizzoli, non è una questione di ispirazione ma è lavoro, sforzo, dipendenza, malattia, concetti ben riassunti in quello che l'artista stesso considera suo Manifesto: un acrilico su tela 275 x 275 che gli è costato sudore e impegno, quasi fosse un figlio più problematico degli altri – commenta scherzosamente.

La tela lascia spazio alla carta, la grafite cede il passo alla china, l’acrilico duetta con la cera e si confronta con tecniche miste. Complessa, ermetica, affannosa, cervellotica, astratta: si presenta così e sotto tante altre forme, l’arte di Rizzoli.

Eppure la chiave di lettura in quella che emerge essere una perenne ricerca dell’artista nel comprendere i segreti di quell’equilibrio, di quella perfezione, di quell’armonia che caratterizzano l’opera d’arte medesima, motivo unico dell’ispirazione del ciclo, c’è, ed è la ‘cattedrale di Modena’, dinanzi alla quale Roberto non smette mai di estasiarsi e di specchiarsi, per perdersi nel tempo, concetto che ha rincorso, in precedenza, nel ritratto.

Caratterizzate da una decisa bicromia bianco-nera, le ’Cattedrali’ di Rizzoli sono ritratti con tratti diversi – come le definisce lui stesso – la struttura di riferimento è la stessa ma viene sviluppata secondo canoni diversi.

Classe ’52, con alle spalle una vita giocata tra arte e divulgazione della stessa (Rizzoli è Docente di Grafica presso un Istituto Superiore cittadino), Roberto non ha mai smesso di rispondere a quella sete di meraviglia e di stupore da cui nascono le sue opere, sete che lo scrittore e poeta Roberto Roversi ha saputo ben tratteggiare in una ‘perla inedita’ che Rizzoli stesso divulga per la prima volta attraverso il Catalogo della Mostra.

La composizione che il professore Roversi ha dedicato alle mie opere, è per me motivo di particolare orgoglio – ci confessa l’artista, a ca. 40 anni dalla sua prima Personale.

di Rossella Regina

emilia-romagna bologna
Data: 11/7/2013
STAMPA QUESTO ARTICOLO
STAMPA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
INVIA QUESTO ARTICOLO
 
© Riproduzione Riservata

I PIU' LETTI
Cassano colpito da ictus, il fuoriclasse del Milan come Ronaldo
Compleanno del Santo Padre Benedetto XVI, lettera aperta di Maurizio Zini
Apocalisse nucleare, parole che arrivano dal Giappone. Tokyo città fantasma
Nube radioattiva di Fukushima domani sull§Italia, disastrosa se piove
Risks for Public Health & the Environment 16th to 18th of May in Madrid
Milioni di morti in Giappone a causa del plutonio nell§aria, apocalisse?
Terremoto in Emilia-Romagna e Lombardia, scossa a Finale Emilia, Borgofranco
Gianni Riotta si dimette dalla direzione de "Il Sole 24 Ore". Martedì al Cda